Post Fissato In Alto

REGIME DEMOCRATICO 2.0 condito con l'olio di ricino dell'ottimismo

QUANDO SI CALPESTA LA VOLONTA' POPOLARE DI 27.000.000 MILIONI DI ITALIANI, LA DEMOCRAZIA NON ESISTE PIU' ..... SI CHIAMA REGIME DEMOCRATICO, STATO DI POTERE O PEGGIO; DITTATURA.

http://www.beppegrillo.it/…/parlamento/pdf/5G5S_18.03.16.pdf

martedì 21 febbraio 2017

Taxxi … Besson5, in sette minuti – (PS: Scissioni)


La vicenda dei taxi, mi riporta alle “liberalizzazioni” indecenti operate dalla NiNistra e sempre rivendicate con orgoglio dal multi-poltrone Bersani e dai suoi fedeli discepoli.  Quelle dette: “lenzuolate liberalizzatrici”.….Lenzuolate che hanno messo in cassaforte un sistema cooperativo malato, giocato sulla concorrenza sleale… Lenzuolate di un’idea di futuro da rigettare. Cosa è successo con il senno del poi? …. Abbiamo assistito a uno sfacelo economico commerciale scaricato sulla pelle dei piccoli imprenditori, a vantaggio di chi? …. Della grande distribuzione. Attenzione: ipoteticamente, unici padroni del nostro cibo e delle merci prodotte da …..Noi …. Un vero potere di costrizione nelle mani di poche persone. Un potenziale pericolo che doveva essere scongiurato con la ricerca di soluzioni alternative di buon senso, che tenessero assieme le esigenze dell’uno e dell’altro ….. La mia famiglia è vittima, come tante, di queste lenzuolate del menga, con una attività artigianale svalutata almeno del 70% .……Noi, che abbiamo sempre creduto nella libera iniziativa e nel non dover pesare sempre sullo stato. Per i tanti Noi come mè, non si è voluta trovare una soluzione di convivenza reciproca, si è scelto di asfaltare -come si usa dire oggi- una intera classe sociale….. Tanti diffusi esercizi, svuotati del loro valore storico ed economico con una legge iniqua….. Esercizi storici, sparsi per il territorio, scaraventati nella discarica sociale insieme ai loro proprietari. Non possiamo far finta oggi di non ricordare. Perchè questo è quello che è avvenuto. Una rivoluzione al contrario che ci consegna centri città svuotati, con dentro solo negozi extra lusso o market Bengalesi per  poveri fra i poveri e periferie come deserti commerciali…… Abbiamo perso e caricato sul carrozzone della disoccupazione, ai danni della collettività, una parte importante del nostro sistema di interscambio nazionale. Ci siamo, anzi, si sono arresi al modello neo liberista santificato dai centri di potere. Abbiamo, hanno, lasciato per la strada, gente operosa e produttiva, (senza tutele) parte integrante della nostra tradizione culturale e sociale. Gente prodiga nelle proprie piccole attività di tutti i giorni. Perché questo sono, o meglio erano, artigiani e piccoli commercianti. Ingranaggi di una macchina complessa che contribuiva a teneva insieme le relazioni sociali. Siamo, anzi sono colpevoli di un esproprio legalizzato come quello che oggi propongono per i tassisti, con l’azzeramento del valore commerciale delle licenze. Molte ancora sotto scacco finanziario dei mutui o prestiti bancari.

I tassisti hanno le loro colpe, non si può non riconoscerlo, tipo quella di essersi chiusi a riccio dentro una corporazione autoreferenziale egoista, escludendo a priori trattative e contrattazione….. Si !!! …. quelle colpe ci sono. Vogliamo appenderli tutti a testa in giù a piazzale Loreto? … Non credo sia questa la soluzione al problema. Non so indicare quali siano le soluzioni, ogni categoria conosce se stessa, Ricordiamoci che i cittadini, (Noi), pagano profumatamente una classe dirigente, che fra i suoi compiti, ha anche quello di preservare la vitalità economica del paese. Non è tollerabile che la maggioranza attuale non riesca a partorire progetti più qualificanti di una banale pulizia etnico-commerciale di massa…..La soluzione della negazione del diritto a esistere non è percorribile….. Provocatoriamente mi vien da pensare che se si vuole una soluzione “rapida” ma non indolore, qualcuno deve restituire il valore complessivo delle licenze pagate, trovare altra occupazione alle migliaia di tassisti nazionali che rimarranno presto disoccupati e risarcire il danno dai presupposti mancati guadagni. Sempre provocatoriamente …. a Roma, per lo stadio, contrattualmente parlando, la società, potrebbe chiedere questi risarcimenti. Allora se li chiedono i palazzinari li chiedano anche li tassinari ? ….Un colpo di spugna a danno dei soliti noti (ceti medio bassi) non se po’ fa.
Concludendo: Quello che è successo all’epoca delle “lensuolate” non si deve più ripetere.Dio ci salvi da questi saccheggiatori barbarici che si spacciano di sinistra. Come se la sinistra non dovesse contenere al suo interno il popolo dei piccoli imprenditori, ma solo quello dei dipendenti.…. Comunque, bona lè, con ste classi sociali morte e sepolte. Il passato è passato ….. Oggi la lotta di tutti i cittadini NON appartenenti alla classe dirigente neo liberista, è quella contro il dio del profitto a tutti i costi. Bocciato apertamente anche da papà Francesco.

PS: scissioni…..
il cavallo di trojan del berlusca, inoculato come un virus dentro il PD, ha portato a casa il primo risultato "fare le riforme dell'amichetto dello stalliere Mangano” (non dimentichiamo con chi abbiamo ancora a che fare !!!)......Ora, il pupo di Arcore, mister balle-men, sta per raggiungere la meta finale..... Disintegrare il PD ....

C’era una volta un gazebo, due euro e una tessera.
Sopra la tessera, un simbolo a due lettere …..PD….. “ che bei ricordi“
 

 




Nessun commento:

Posta un commento