Post Fissato In Alto

REGIME DEMOCRATICO 2.0 condito con l'olio di ricino dell'ottimismo

QUANDO SI CALPESTA LA VOLONTA' POPOLARE DI 27.000.000 MILIONI DI ITALIANI, LA DEMOCRAZIA NON ESISTE PIU' ..... SI CHIAMA REGIME DEMOCRATICO, STATO DI POTERE O PEGGIO; DITTATURA.

http://www.beppegrillo.it/…/parlamento/pdf/5G5S_18.03.16.pdf

martedì 12 gennaio 2016

QUARTO … TO DAY : Rosa ha le spine ?



Aimè…  Sembra che Rosa di secondo nome non possa  fare Immacolata.

Pubblicate su Repubblica le precisazioni di Saviano.
Chissà !!! …. Telepatia, twitt di aperitivo, simpatia movimentista. oppure, intenso pressing di re-comment  ? …. Mah !
Non concordo con la visione a stelle nere descritta da Saviano, semplicemente perché Lo scioglimento spetta alla magistratura. Lui dimentica che l’esperimento 5 stelle e in itinere. Apprezzo alcuni passaggi del suo pensiero come possibili consigli….. Il movimento 5 stelle è continuamente alla ricerca di se stesso. Si trova ben piazzato in uno stato di avanzamento notevole. Il cammino sarà lungo, ma le basi sono solide e potranno sostenere impicci anche più impegnativi e ingombranti di quello di Quarto …….,Per me…. valanga invernale pilotata ad hoc. Come da previsioni meteo pre elettorali.  

Contemporaneamente a Saviano scriveva, altrettanto degno di attenta lettura, il giudice Imposimato, con una posizione in netto contrasto verso quella dello scrittore e delle scelte fatte dal movimento. (tutto ciò aiuta a crescere) … Ieri giorno 11/01 richieste le dimissioni, oggi giorno 12/01 sancita la decadenza dall’utilizzo del simbolo a 5 stelle seguita dall’espulsione per Rosa Capuozzo.
Vittima sacrificale ? …. Se le intercettazioni sono fondate, (concedetemi il beneficio del dubbio, siamo in italia)  nessun sacrificio umano ….. solo opera di coerenza con le regole del movimento, anche se non scritte. La tempistica perfettamente in orario. Chi è oggetto di ricatti deve denunciare. Punto imprescindibile per la propria difesa personale unita all’etica politica, ma soprattutto per stroncare sul nascere tentativi di inquinamento provenienti da mafie e approfittatori.   

E’ bene ricordare e sottolineare con viva e vibrante insoddisfazione, che il circo mediatico si muove, monta, smonta si dibatte, per forzare distrazione d’opinione pubblica, unita parallelamente all’azione di discredito totalizzante del movimento nel suo insieme.
Strumentalizzazioni a prescindere sono il leitmotiv di sempre quando si parla dei 5 stelle …..  Non bene chiedere le dimissioni ….come  … Non bene sostenere la Sindaca. Comunque sempre e insistentemente non bene.

Il sentimento comune trasferito da Beppe, Casaleggio e i portavoce, attraverso il blog e i mezzi di comunicazione, si arrocca su una posizione di valutazione della vicenda in essere, procedendo poi, con la decadenza del simbolo ……… Per le cure, seguiranno gli sviluppi del caso a venire, in itinere, come sempre. ….. Siamo o non siamo il più riuscito esperimento di mobilitazione popolare spontanea, non violenta e democratica ? ….. SI lo siamo …. mi faccio la domanda e mi do la risposta, alla Marzullo, convinto di non poter essere smentito.

Per la serie “Lectio quotidiane”  quello che c’è da registrate oggi perché diventi patrimonio delle consuetudini 5 stelle. ….. Toninelli a Omnibus su domanda di Da Milano “quali garanzie da il movimento sulla selezione dei futuri rappresentanti candidabili ? ….. Toninelli: le garanzie che offre il movimento sono, gli stessi attivisti, il filtro posto dal casellario giudiziario e il programma presentato e sottoscritto (ecco, questo ultimo punto è di notevole interesse)  -precisando-  puoi sfuggire o meglio ingannare il gruppo locale sui lavori interni che precedono l’elezione, ma una volta eletti in consiglio comunale, al momento delle scelte di governo cittadino, la linea da seguire, da rispettare, deve essere quella di programma. Importante garanzia che cala la maschera di qualsiasi infiltrato.
Se non ti attieni al programma o fai ambigue pressioni per deviare da quanto scritto e sottoscritto in precedenza, a meno di cataclismi che possano far cambiare al gruppo intero orientamento …..sei fuori.   
  
Il recall chiesto dal movimento alla sindaca Capuozzo per opportunità politica, (la sua posizione non è del tutto chiara) aggiunge un tassello alla costruzione del progetto movimento 5 stelle. Questo sconosciuto e delicato passaggio di Quarto,vissuto intensamente da tutti noi, non si propone invano, può aiutare a prendere le giuste contromisure nella complicata sfera dei comuni toccati dal fenomeno delle infiltrazioni criminali, come detto sopra, Toninelli  legando l’azione politica post elettorale solo all’interno del percorso di programma, eccetto modifiche su posizioni congiunte con la maggioranza del gruppo ……. Fissa un ulteriore paletto, possibile modello futuro.    

Ragionandoci sopra ulteriormente: …… ti candidi consapevole che i tuoi compagni di lista non possono essere degli sconosciuti, al contrario, devono essere persone con le quali ai condiviso un percorso, persone che hai imparato a conoscere nel tempo, con le quali si è stretto un prolungato rapporto di collaborazione, devono essere persone alle quali lasceresti con fiducia le chiavi di casa tua …….. Per questo sarebbe opportuno sconsigliare vivamente che gli ultimi arrivati, poco conosciuti, possano venire inseriti nelle liste dei candidati, soprattutto se le liste si trovano in zone a rischio di infiltrazione. …..come già detto l’incensurato disponibile o ricattabile dalle mafie non è razza in via di estinzione …….  Spesso per completare le liste dei candidati si tende a utilizzare il metodo sbrigativo del riempi lista, colpevole la scarsa partecipazione della cittadinanza, questo deve essere disincentivato, meglio ancora se regolamentato come avviene per i presupposti di certificazione lista …... un x tempo, potrebbe essere una opzione …… Se il gruppo non riesce a completare l’organico con elementi di specchiata affidabilità, rinunci alla candidatura stessa della lista.

Concludendo: è sempre bene trarre insegnamento dagli avvenimenti …. Mia madre, a giusta ragione, mi recitava sempre un saggio detto popolare. Tutti noi sappiamo quanto di vero ci sia nei detti tramandati da generazioni, “impara l’arte e mettila da parte”. Nel nostro caso si tratta di imparare l’arte di un’azione politica che ci porti lontano dai compromessi al ribasso, che marchi la distanza dal vecchio sistema, che recuperi l’etica morale, superando i cattivi insegnamenti delle vetuste scuole di politica partitica.   

 >>>>><<<<<

L'articolo di Saviano 10/01/2016 - quella sesta stella nera che rischia di diventare una macchia indelebile


Il Consiglio comunale di Quarto va sciolto per infiltrazione camorristica. Non importa quanti siano i voti portati dal consigliere espulso Giovanni De Robbio: quanto accaduto rischia di diventare un punto di non ritorno per il Movimento 5 Stelle. Il balletto sulle dimissioni del sindaco Rosa Capuozzo rischia di diventare una macchia indelebile, la sesta stella, la blackstar che offusca tutte le altre. Quarto è la storia di un cortocircuito. La prassi di raccogliere dossier per poter screditare l'avversario politico (che abbiamo chiamato macchina del fango), ha finito per trovare una sinistra corrispondenza, anche se sottile e camuffata, nei processi sui blog o in televisione.

Quello che pare essere accaduto a Quarto è un caso di scuola. Da una parte la conferma della terribile regola che vede la camorra schierarsi sempre al fianco di chi vince o quanto meno attiva nello strumentalizzare quelle vittorie; dall'altro un sindaco che ora dopo ora si è mostrato sempre più inadeguato al ruolo, soprattutto in quella realtà così complessa, dove niente è come sembra. Ma la storia di Rosa Capuozzo ha una ricaduta ancora più drammatica poiché conferma che la politica in Italia è solo arte del ricatto; non si esce da questa logica, chiunque sia al governo. Del resto la purezza è un concetto non applicabile alla vita reale: tutti gli esseri umani commettono errori e hanno contraddizioni, che stranamente non vengono valutati se non quando si ha un ruolo istituzionale. E come un serpente che si morde la coda, quanto più in alto abbiamo posto l'asticella della "purezza&onestà", più grande sarà lo scandalo a prescindere dall'entità e dalla natura dell'errore, commesso o meno. Ma il nodo per comprendere questa situazione è la analisi della prassi delle espulsioni, che nei propri opachi contorni è sempre più vissuta dall'opinione pubblica come una pratica di epurazione. Del resto, cosa sono le espulsioni se non il mettere alla gogna chi non ha rispettato il programma, l'additare alla folla il reo? Rosa Capuozzo è colpevole, non eventualmente di abusivismo edilizio (di cui non conosciamo la portata e la natura), ma di essersi presentata come parte lesa invece che come amministratrice inadeguata; d'altro canto, lo scioglimento per infiltrazioni camorristiche del Consiglio comunale non farebbe giustizia alla storia di un Movimento, intrisa di ingenuità politica ma non di disonestà o peggio di connivenze con la camorra.



>>>>><<<<<

Il post di Imposimato 10/01/2016
cari amici, sono amareggiato e deluso per l' ingiustizia che si sta consumando contro Rosa Capuozzo, sindaco di Quarto, prima che la magistratura napoletana abbia concluso l'indagine preliminare, nella quale il sindaco è parte offesa. Devo replicare a Roberto Saviano , scrittore e combattente contro la camorra. Egli sostiene, in un lungo articolo su Repubblica: "Rosa Capuozzo è colpevole, non eventualmente di abusivismo edilizio ma di essersi presentata come parte lesa invece che come amministratrice inadeguata" ( Repubblica 12 gennaio 2016) e aggiunge che a Quarto ci sarebbe stata la " conferma che la camorra si schiera sempre a fianco di chi vince o quanto meno attiva nello strumentalizzare queste vittorie>>. Vorrei dire a Saviano che Rosa Capuozzo si ribellò alla presentazione di una lista di non residenti a Quarto che avrebbe alterato l'esito delle elezioni , ed io la sostenni in questa battaglia di democrazia e di legalità che si concluse con l'accoglimento del ricorso della Capuozzo da parte del Consiglio di Stato . Inoltre un giudizio di incapacità politica non può essere espresso dopo soli 5 mesi , in un comune sciolto per camorra da anni , nel quale erano state rilasciate nel corso degli anni passati da "amministratori arrestati per associazione per delinquere e abuso di ufficio 400 concessioni edilizie a presunti esponenti a clan della camorra e speculazioni delle quali avrebbero beneficiato gli amministratori comunali" di precedenti amministrazioni. E non credo che una persona collusa con la camorra o la corruzione , come si cerca di fare credere sia Rosa Capuozzo, avrebbe inviato una lettera di espulsione all'amministratore infedele , sottolineando " che il suo comportamento ha violato in modo grave , ripetuto e sostanziale gli obblighi assunti all'atto di accettazione della candidatura" , costringendolo alle dimissioni sapendo di essere da lui ricattabile perchè complice . Quanto all'accusa di essersi " presentata come parte offesa e non come amministratrice inadeguata", questa è stata una decisione doverosa del PM di Napoli , sulla base di dati obiettivi e di prove documentali,e non una scelta del sindaco di Quarto . Il Sindaco non deve dimettersi: se lo facesse , sarebbe un tradimento della maggioranza dei cittadini che l'hanno eletta e un favore alla camorra e al malaffare.

>>>>><<<<<

il post di grillo

 

 >>>>><<<<<

Verso l'infinito e oltre

 





Nessun commento:

Posta un commento