Post Fissato In Alto

REGIME DEMOCRATICO 2.0 condito con l'olio di ricino dell'ottimismo

QUANDO SI CALPESTA LA VOLONTA' POPOLARE DI 27.000.000 MILIONI DI ITALIANI, LA DEMOCRAZIA NON ESISTE PIU' ..... SI CHIAMA REGIME DEMOCRATICO, STATO DI POTERE O PEGGIO; DITTATURA.

http://www.beppegrillo.it/…/parlamento/pdf/5G5S_18.03.16.pdf

sabato 21 novembre 2015

Stato Islamico ?

Documentarsi – comprendere - informare !!! 
Informazioni proposte o informazioni cercate ?

Per capire con chi abbiamo a che fare, cosa ci circonda e quali siano i meccanismi geo-politici attuali, (in un mondo di calibrata disinformazione) ….. credo sia indispensabile informarsi, non farsi informare ….. Internet (attentamente filtrato), oggi, permette questo. Una proiezione alternativa, fuori dai circuiti mediatici convenzionali, per sviluppare una personale visione degli accadimenti, che, guarda caso, spesso, finisce per coincidere all’unisono ……  Cosa voglio dire (?), ……  voglio dire che, popoli correttamente informati, scoprono guardandosi da vicino, senza veli terzi, che la realtà dei fatti, del quotidiano, è molto simile per la maggior parte di noi. che i bisogni fondamentali sono gli stessi, nutrire la pancia ma anche la mente, che forse qualcuno manipola le nostre azioni (?). Ci scopriamo per quello che siamo, esseri viventi costretti dentro steccati ideologici di terze parti, …… ecco, allora, che la vera informazione abbatte questi steccati ideologici e la nostra uguaglianza, ci scopre simili, e ci avvicina a quell’esclamazione meravigliata …… Accidenti ! …ma sei uguale a me !!! …. hai la barba, gli occhi scuri, capelli castani, sorridi e sai anche stare serio, hai due bellissimi bambini, mangi frutta verdura e carne, allevi polli e coltivi pomodori, ti relazioni, giochi e lavori, fai sesso, racconti storie, vivi la tua vita …….. e all’odio subentra la curiosità
Ma allora, dimmi ……  perché ci combattiamo ? …… Perché avevi il grilletto pronto a far fuoco nella mia direzione ? …….. non saprei dirti …. Mi hanno detto che allah e grande …….. a me invece hanno detto che siete dei terroristi …..  forse dovremmo conoscerci meglio  sconosciuto occidentale ….. che dici eh? ……hai fame …..si ho molta fame …..ok, allora prima di sparare pensiamo a mangiare, al resto penseremo più tardi …. ho cibo per due ………. Vieni seguimi  …….. d’accordo ……… dove mi porti …. Vieni seguimi, stai tranquillo  …..ecco, qui siamo più riparati …..purtroppo questi quattro mattoni a pezzi, sono quanto  rimane della mia casa ………   e quella culla intatta ? ……. era della piccola  Yasmîn per voi Gelsomino …… è volata via ……   che guerra di merda ….eh si ! amico mio ……. La guerra è sempre una merda.   

Uscendo da questa metafora di scontro-incontro immaginario, (forse vissuto, chissà), tra due uomini, appartenenti a opposti schieramenti militari, vittime –fortunatamente- solo di una sana curiosità. …… Si può affermare con quasi certezza, che: persone disinformate,  male informate o sfruttate, vuoi, poco curiose. Tendono pigramente ad arroccarsi o ad accodarsi, su posizioni improprie, non proprie, i consueti , ….. per sentito dire ……. l’ha detto il leader ! …..l’ha detto il tale ….. … lo prevede la mia religione ….. subendo passivamente il vociferare proveniente da inculcatori professionali d’opinione, da stakeholder  di interesse, incrostando posizioni più da tifoso di convinta appartenenza che da essere evoluto auto pensante. …. Nella scena precedente i due opposti combattenti si sarebbero sparati a vicenda se la loro curiosità non avesse prevalso. Come stimolare questa curiosità ?....  La tesi, condivisibile, di Travaglio, è che se vuoi incuriosire quelli che prima di essere terroristi sono esseri umani, corano dipendenti, svuotandoli dall’odio che li logora, dobbiamo  ritrovare prima di tutto i nostri valori “perduti”, più precisamente, quelli che ci hanno scippato (con sguardo al passato, è tutto casuale ? MAH !!)     -secondo travaglio- li abbiamo perduti lungo la strada della crisi, nel tritacarne della globalizzazione ……. Ritrovati questi valori dobbiamo trasmetterli a loro, farglieli assaggiare. …… Un lungo lavoro di ricucitura sociale interna ed esterna  …………  alleggerendo emarginazione e disagio sociale. (il 60% dei giovani delle banlieue parigine è senza lavoro o annoiati senza parte). …… Imprescindibile fare vera informazione, quella che racconta tutte le morti, anche quelle scomode, quelle della controparte ……… quelle dei giovani francesi a Parigi, dei bambini dentro un aereo  Russo esploso in volo o delle città yemenite, e ancora, di altri bambini dentro una trappola al fosforo di nome Falluja insieme a quelli delle ultime ore provocati dai bombardamenti francesi-russi  a Raqqa ……  la morte di guerra, non ha nazionalità, abbraccia a sorpresa tutti. Francesi, russi, americani, palestinesi, ebrei, mussulmani, cristiani, sciiti e sunniti ……. Evitabile ? … SI …. Serve una sana utopia, una visione alternativa. ….. Facevo caso come sia contagioso ascoltare passivamente quelli che recitano il rosario della morte in televisione. Che ti raccontano di una normalità fatta di paura, di una vita vissuta dentro una civiltà basata sullo scontro violento, sempre in agguato. …… Solo un sussulto mentale di autodifesa, può sciogliere o scioglie, una litania funerea, il rischio serio è quello di entrare per osmosi da disinformazione dentro lo stato d’animo di chi impreca la guerra come soluzione finale delle avversità .…..Poi fortunatamente, prende la parola l’opposta visione legata alla vita, l’altra visione del possibile, allora ti svegli e realizzi che l’incubo descritto in precedenza, può essere solo un brutto sogno. Scema il sudore freddo e torna un filo di speranza.
L’informazione, quella vera, spazza via le inventate appartenenze e amplifica l’idea comune dei fatti in discussione. In un’epoca di disinformazione o informazione solo parziale, la ricerca dell’arca perduta, spetta a tutti noi.

Volevo segnalare alcuni spunti di riflessione e cinque video raccolti in una playlist, del 2014, cosiderando che sono concordati con il giornalista, prodotti dall’ agenzia giornalistica  Vice News, fondata a Montréal, in Canada, nel 1994. Il video numero tre, entra dentro la vita della capitale dell’auto proclamato stato islamico, Raqqa, fanno da guida due agenti dell’Hisba.  

Personalmente dopo la visione di questi video e altri docu-film aggiunti a articoli, commenti televisivi e scritti vari, riguardanti Isis, sono giunto a una convinta conferma della mia posizione  … La guerra all’Isis, intesa come bombardamenti dei territori abitati, non è indispensabile. ……. Perché ?
- Primo, e su tutto, i bombardamenti uccidono indiscriminatamente i civili, fra cui i bambini.   
- i combattenti militarizzati sono un numero esiguo di persone, la maggior parte delle fonti, cita migliaia di temibili jihadisti, forse 40.000 la restante popolazione, solo vittime da povertà e contagio religioso.
- sono scarsamente armati.
- non risulta possiedano aerei da guerra
- non risulta abbiano fabbriche di armi.
- non risulta abbiano siti produttivi di ricambi civili e militari.

Per contro :
-sono molto determinati.
- non temono per la loro esistenza.
-sono pieni di odio sopratutto per gli americani, ai quali vanno aggiunto tutti coloro che ieri oggi e domani sceglieranno la guerra piuttosto che -come dice Di Maio- affamarli commercialmente e militarmente. 

Del resto chi di noi bombardato in casa propria, vista la morte in diretta dei propri cari, non si riempirebbe d’odio ? 
Non voglio, con questo, trovare scuse alla assurda ferocia del terrorismo, che condanno senza alcuna riserva, leggo la realtà dei fatti. Vista da ambo le parti. Lo stesso sforzo di riflessione che contraddistingue Massimo Fini.

La medicina, come detto, … forse .. circoscrivere e isolare lo stato islamico, sanzionando e isolando i guerrafondai.  Semplicemente tagliare le forniture di armi e ricambi. Ridimensionando notevolmente la loro capacità di offesa e di spostamento. Non serve una mente militare per comprendere ciò. Se il nostro piccolo orto è infestato dalle lumache, mettiamo l’antilumache ai bordi dell’orto. L’aspetto interno europeo è altra questione che comporta altre valutazioni, intelligence e attento controllo degli spostamenti interni e di provenienza extra europea.  
Concordo con quanto detto a “Piazza Pulita” da Massimo Fini, che stimo molto per la sua capacità di non perdere mai di vista i punti di riferimento da cui partire, per impostare un ragionamento equilibrato. Questo il suo commento per evitare i bombardamenti  …… cito a memoria …  «circoscrivere la situazione e controllarne i confini».

E’ stato chiesto a Di Maio, sempre a “pizza pulita”, ribattendo alla sua visione prudenziale e di contrasto al conflitto bellico: Come agire nell’immediato alle ferite sanguinanti, come spegnere l’infiammazione che minaccia le nostre civiltà ? ….. Un paragone medico può aiutare nella ricerca di una soluzione possibile. Qualsiasi infiammazione, deve essere prima di tutto diagnosticata e circoscritta. Poi, evitato il propagarsi dell’attacco batterico, virale o tumorale, ci si concentra su come eliminare del tutto la patologia. Spesso le infiammazioni lasciano inevitabili tracce del loro passaggio, con le quali si deve convivere. Questo quanto ci insegna una maestra di lunga data e lungimirante, sua eternità, la  natura.      

A queste riflessioni, aggiungo una considerazione che non ho mai colto tra intellettuali e opinionisti, ma che a me sembra fondamentale quanto naturale ……. Partendo dal presupposto che a ogni errore riconosciuto, devono seguire scuse e quanto necessario, in azioni concrete, per riparare ai procurati danni, materiali e sociali mi chiedo : 

Cosa è stato fatto per riparare ai danni provocati dall’imperialismo e dal colonialismo passato e presente ? …. Cosa hanno fatto americani, inglesi, francesi. Italiani …ecc ?


……..…NULLA !!!  ………








https://www.youtube.com/watch?v=jOaBNbdUbcA&index=3&list=PLw613M86o5o7ELT6LKyJFKawB6gUsZSf7

https://www.youtube.com/watch?v=jOaBNbdUbcA&index=3&list=PLw613M86o5o7ELT6LKyJFKawB6gUsZSf7


https://www.youtube.com/watch?v=jOaBNbdUbcA&index=3&list=PLw613M86o5o7ELT6LKyJFKawB6gUsZSf7

https://www.youtube.com/watch?v=jOaBNbdUbcA&index=3&list=PLw613M86o5o7ELT6LKyJFKawB6gUsZSf7


Nessun commento:

Posta un commento